3422 visitatori in 24 ore
 192 visitatori online adesso


destionegiorno
Stampa il tuo libro



Massimo Curzi

" Amo l'atletica perchè è poesia. Se la notte sogno, sogno di essere un maratoneta." (Eugenio Montale)

Da tal dire , v'è il mio sentire. ... (continua)


La sua poesia preferita:
Androgino
Persisti, essenza androgina,
già nomade per globi
e universi
nel gualdo di doglie
e fosche vivezze.
Con tronco, intriso cuore
vai frugando nell'anime
a...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Pettirosso
Un lampo, poi un boato
e trema tutto il vicinato.
Spauriti i messi piccioni
desertan veloci i balconi.
A tal vista si leva fastidioso
lo strillo dell'uomo furioso.
"Il messaggio è importante
ha da arrivare all'istante".
Il...  leggi...

Scia
Vedo ancora la scia,
rincorro le scintille,
pioggia di luce,
m'accende l'illusione di te.
M'offri l'unico raggio,
liana dorata
di luna serena,
un lago di latte appeso lassù.
Oscillo nel tempo
acrobata del buio
nei silenzi dei...  leggi...

Portarti
Avrei potuto attraversare in canoa i mille gorghi dell'anima
per portarti l'avventura,
oppure sfidare a duello i mostri e draghi dell'inconscio
per portarti il coraggio
e anche volare sin sopra le stelle e i pianeti
per portarti l'immenso
ed...  leggi...

Libero
Alla fine, libero
Uomo coraggioso e fiero
Una vita come guerriero
A difendere un ideale vero
Città, villaggi, paesi lontani
Tu da solo con le tue nude mani
Un soldato fortunato
Dell'aria follemente innamorato
Un tormento ogni battaglia...  leggi...

Scivolo
E scivolo in te.
Ti chiudo e ti serro a me.
Umori e amori mescolati,
capelli, lingue e corpi intrecciati.
Sussurri, gemiti e sospiri
sono le note dei sensuali deliri.
La magia dell'istinto
mi tiene a te ardentemente cinto.
I due cuori,...  leggi...

Sei
Sei la goccia che mi scava,
la lama che apre al mio sangue,
la corda che mi appende all'aria,
l'elisir che mi ghiaccia il corpo,
il sibilo acre per il mio sonno,
l'argentea pillola che mi esplode nei pensieri.
Sarò, un giorno, il...  leggi...

Massimo Curzi
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Androgino (19/01/2014)

La prima poesia pubblicata:
 
Libero (04/03/2013)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Sagoma (28/07/2014)

Massimo Curzi vi propone:
 Scivolo (28/04/2013)
 Sei (05/07/2013)
 Libero (04/03/2013)

La poesia più letta:
 
Fu (24/07/2013, 6961 letture)

Massimo Curzi ha 6 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Massimo Curzi!

Leggi i 62 commenti di Massimo Curzi


Leggi i racconti di Massimo Curzi

Le raccolte di poesie di Massimo Curzi


Autore del giorno
 il giorno 23/08/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Massimo Curzi
ti consiglia questi autori:
Jibi
 Patrizia Ensoli
nemesiel
 carla composto

Seguici su:



Cerca la poesia:



Massimo Curzi in rete:
Invia un messaggio privato a Massimo Curzi.


Massimo Curzi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Sandokan alla riscossa

"Sandokan alla riscossa" è il settimo romanzo del ciclo indo-malese scritto da Emilio Salgari. Yanez, (leggi...)
€ 0,99


Massimo Curzi

Fanesitudine

Dialettali
Gént, c'ho vòja d'discura, aprit l'uréchi,
ji so un fiòl de Fan e de quèst impipit paréchi.
La cicogna, o chi per lia
ha fat na genialésa ma la vita mia.
M'ha trovat maquagiù, tél globo turchin
na còva in stè post ch' è pròpri blin.
In ti libre i dicen "cittadina ridente",
ancasà, en putria esa diferente.
C'è el port sal fràl, i barchét, crucai e marinar,
tutt’apugiat sovra el nòstre mar.
Sal temp bon ariven un scrul de furestiéri
e s'magna ogni sorta de lupéri.
Scotadito, le puras, la muréta el brudét
per la pansa è un badurle cumplet.
Giù a marina d'istàt ce da spelegris e ce s'arcora
e pu è pien de bel don già de bunòra.
D’inverne se sveghia el Carnevalòn
fà el get da i car e se armulis el Vulon.
In piasa c’è culia, la Fortunata
cnosciùta in tut el mond, stà Dea imbalsamata.
Se i Ruman, quei intich, machi j'an fat anca el tempi
un motiv ce sarà sigur, en serv n'altr'esempi.
Se en me credet basta girà el cul dla città
dop pòc temp, su a Mont Giov s'arivarà.
Da malasù se pòlen véda tut le blés dla valata,
se arman a bocapèrta per la grasia chv'è ardunata.
Dacsì è na gudùria esa in mes a sti cumpagn fanesi
che ardan de casarecio e c'han i mod cortesi .
Non so se s'è capit ma per fni stà manfrina,
ji i voi propi ben ma stà "ridente cittadina".

Fanesitudine (traduzione)
Gente ho voglia di parlare, aprite le orecchie
io sono figlio di Fano e di ciò orgoglioso parecchio.
La cicogna o chi per lei
ha fatto una gentilezza alla vita mia.
Mi ha trovato quaggiù, nel globo celeste
un nido in questo posto che è proprio bello.
Nei libri dicono “cittadina ridente”,
Perbacco, non potrebbe esser altrimenti.
C’è il porto con il faro, i pescherecci, gabbiani e marinai,
tutto appoggiato sopra il nostro mare.
Nella buona stagione arrivano tanti forestieri
e si mangiano tante leccornie
Scotadito (sardine alla griglia), le vongole, la Moretta (liquore) ed il brodetto
per la pancia un divertimento assoluto.
In spiaggia d’estate ci si diverte e rinfresca
ed è anche pieno di belle donne già dal mattino presto.
D’inverno si sveglia il Carnevale
Fa il getto (di dolciumi) dai carri e si ripulisce il Vulon (maschera tradizionale)
In piazza c’è lei, la statua della Fortuna
conosciuta in tutto il mondo, questa Dea imbalsamata.
Se i Romani, quelli antichi, qui le hanno fatto persino il tempio
un motivo c’è di sicuro, non serve un’ altro esempio.
Se non mi credete basta girare le spalle alla città
dopo poco tempo, su a Monte Giove (collina) si arriverà.
Da lassù si possono ammirare tutte le bellezze della vallata,
si rimane a bocca aperta per la grazia che c’è radunata.
Così è un piacere essere in mezzo a questi compagni fanesi
che sanno di casereccio e hanno i modi cortesi.
Non so se si è capito ma per finire questa manfrina
io gli voglio proprio bene a questa” ridente cittadina”.

Club Scrivere Massimo Curzi 26/10/2013 22:18| 1| 2097

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.


 

I commenti dei lettori alla poesia:
Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«E' davvero bella e variegata la nostra amata patria! Sono pesarese dal lato materno, e comprendo abbastanza bene il dialetto di quella città, ma per leggere questa poesia in fanese, nonostante la distanza di soli dodici chilometri tra le due città, mi sono dovuto servire più volte della traduzione!
Fa bene comunque l'autore a porre l'accento, in questa sua poesia, soprattutto sul carattere gaio di Fano, che già mia nonna, pesarese nata alla fine dell'Ottocento, individuava in confronto alla più seriosa Pesaro, ed al quale aveva talvolta con me fatto cenno.»
Club ScrivereAntonio Terracciano (27/10/2013) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Scrivi le tue sensazioni su questa poesia
Hai una sensazione, un messaggio, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori?
Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it